In questo periodo di emergenza sanitaria da Covid-19, il Comune di Pistoia attiva un’ulteriore misura economica straordinaria a sostegno dei residenti, con i fondi stanziati nei giorni scorsi dalla Regione Toscana. E’ stato pubblicato infatti, un bando per riconoscere un contributo a quelle famiglie che hanno difficoltà a pagare l’affitto della casa di residenza perché danneggiate da una drastica riduzione del reddito per effetto dell’attuale situazione che ha prodotto una crisi economica.

«Le misure introdotte dall’Amministrazione in questi ultimi due mesi – dichiara Anna Maria Celesti, vicesindaco e assessore alle politiche di inclusione sociale – mirano ad assicurare un primo e necessario supporto sociale alle famiglie che affrontano problemi di liquidità finanziaria a causa dell’emergenza Covid-19. Le necessità a cui fare fronte ogni giorno sono molte e di diversa natura. Come Comune, insieme all’indispensabile contributo delle associazioni di volontariato, e in stretta collaborazione con la Società della Salute e l’Asl Toscana Centro, abbiamo cercato di intervenire tempestivamente e di attivare quanti più strumenti possibili: dalla solidarietà alimentare, attraverso i bonus spesa e i pacchi spesa, al servizio di consegna a domicilio per coloro che sono privi di rete parentale e amicale; dall’attivazione di campagne di solidarietà con l’istituzione di un conto corrente dedicato, al filo diretto quotidiano con le persone in quarantena attivato dal Centro Operativo Comunale, per parlare soltanto delle misure in ambito sociale, ma a cui si vanno ad aggiungere numerosi ulteriori provvedimenti che riguardano altri ambiti comunali».

La domanda per l’assegnazione di contributi economici a sostegno del pagamento del canone di locazione può essere presentata fino al 18 maggio.

Per presentare la domanda occorre essere lavoratori dipendenti o autonomi e avere avuto una riduzione non inferiore al 30% del reddito familiare, causata dalla sospensione o dalla riduzione dell’attività lavorativa; avere la residenza anagrafica nel comune di Pistoia, nell’alloggio per il quale si richiede il contributo; un regolare contratto di locazione; un ISE per l’anno 2019 o per l’anno 2020 non superiore a 28.684,36 euro.

I modelli per la richiesta possono essere scaricati qui sotto.

La domanda, corredata da copia del documento di identità del richiedente, dovrà essere compilata in ogni sua parte, firmata e presentata secondo le seguenti modalità: a mano al protocollo generale del Comune di Pistoia, piazza Duomo 1, da lunedì a venerdì, dalle ore 9 alle 11; spedita con raccomandata A/R al Comune di Pistoia, tenendo presente che farà fede la data riportata sul timbro dell’ufficio postale; inviata tramite Pec all’indirizzo comune.pistoia@postacert.toscana.it

Per informazioni è possibile telefonare ai numeri 331 6859402 o 348 7669163 dal lunedì al venerdì, dalle ore 8.30 alle 13.30.

FAQ per contributo affitto covid-19

1.Cosa significa che nell’alloggio occupato, coabitano n’………nuclei?

– In un alloggio possono convivere più nuclei familiari cointestatari di un unico contratto ( 2,3,4 ecc…), cioè nuclei familiari distinti ovvero una o più famiglie separate che vivono nello stesso alloggio, ciò è possibile nel caso in cui non esistano rapporti di parentela. Deve essere quindi indicato il numero di nuclei familiari e di seguito la quota parte del canone a carico di chi fa la domanda (es: canone di affitto € 500, se nello stesso alloggio vivono due famiglie, ogni famiglia paga teoricamente € 250, ovvero la propria quota parte)

2.Se non ho l’Isee cosa devo fare?

Se non si è in possesso dell’Attestazione ISEE 2020 si possono indicare i valori dell’ Attestazione ISEE 2019, se non abbiamo entrambe, è necessario rivolgersi ad un CAF entro il 18 maggio 2020, per presentare la DSU (Dichiarazione Sostitutiva Unica).

Nella domanda è indispensabile indicare il numero di protocollo della DSU presentata (Inps: INPS-ISEE_2020………………………………..- 00)

3.Cosa si intende con “aver percepito nel mese di aprile 2019/ febbraio 2020/ aprile 2020 una retribuzione netta”?

Per retribuzione netta si intende la somma effettivamente percepita dal  lavoratore, sia questo dipendente o autonomo.

4. Devo indicare l’importo dello stipendio del mese di aprile 2019?

Si, per i dipendenti si deve far riferimento al periodo di retribuzione indicato nella busta paga che può essere diverso dall’emissione della stessa, quindi possiamo avere a maggio 2019 la retribuzione del mese di aprile 2019, oppure il pagamento della mensilità può avvenire anche alla fine dello stesso mese.

Per gli autonomi che dovessero trovare difficoltà si consiglia di chiedere al proprio commercialista.

E’ Importante compilare la domanda in ogni sua parte e non trascurare alcuna delle dichiarazioni.

Per il lavoratore dipendente, deve essere sempre indicato il nominativo della ditta, società, impresa o cooperativa con la quale ha un rapporto di lavoro e specificare da quale periodo.

Indicare la causa di diminuzione delle ore di lavoro (esclusivamente a causa dell’emergenza epidemiologica Covid- 19), se diversa dallo stato di cassa integrazione.

Il lavoratore autonomo, deve sempre indicare la propria P. IVA e il codice ATECO.

Inoltre sia per gli autonomi che per i dipendenti e’ sempre necessario indicare la data della sospensione/riduzione dell’attività lavorativa.

Si Raccomanda inoltre di visionare dal 30 giugno 2020, il sito del Comune di Pistoia e prendere visione della graduatoria.

Nel caso in cui la domanda  fosse ammessa con riserva, sarà necessario contattare gli uffici attraverso le modalità che saranno fornite contestualmente all’uscita della graduatoria stessa, e integrare le eventuali dichiarazioni o documenti mancanti entro il 10 luglio 2020, pena l’esclusione definitiva.

Solo in seguito all’integrazione, sarà possibile effettuare il versamento della prima parte del contributo.

Sia per le domande Ammesse, che per le domande “Ammesse con riserva” nel caso in cui  la condizione di riduzione del reddito persista anche nei mesi di maggio e giugno 2020, sarà necessario integrare la dichiarazione o  documentazione attestante tale situazione, utilizzando l’apposito modulo allegato al modello domanda, in tal caso per le domande  ammesse con riserva e integrate successivamente, saranno liquidate sia la prima che la seconda parte del contributo.

N.B. Tutto ciò che viene dichiarato nella domanda sarà oggetto di controllo.

Vai alla pagina del sito del Comune di Pistoia per scaricare i moduli per la presentazione della domanda.

Quanto ti è stato utile questo articolo?

Valutazione media 0 / 5. Vote count: 0

Non ci sono ancora valutazioni! Sii il primo a valutare questo articolo.

Se hai trovato questo articolo utile...

Seguici sui social!

Ci dispiace che questo articolo non sia stato utile.

Aiutaci a migliorare

Facci sapere come possiamo migliorare

Decreto Rilancio. Agevolazioni per gli affitti non abitativi.
Agevolazioni nel periodo di emergenza sanitaria COVID-19